Skip navigation

Circondato eppure ancora dentro me stesso, conto occasioni e strumenti, ascolto cio’ che poco a poco consuma dolore chiedendo piccoli pezzi di vita ancora una volta sacrificati a orrendo silenzio.
Bisogni primari, soluzioni rivoluzionarie in spazio sufficiente a contenere vita intera, esigenza sempre piu’ forte di non lasciare nulla di se’, sparire liberando poche immagini, qualche parola, infiniti pentagrammi, essenza piu’ che sostanza perche’ oltre rimangono decenni di immane fatica, potenti lampi che qualcosa hanno eppur illuminato, fortificata corazza di cuore pavido e grasso ventre, parvenza e potenza, miscidata sostanza che ha retto e sostenuto sguardi troppo bassi e silenzi profondamente imbarazzanti.
Tecniche eccelse di sopravvivenza che domino e dominano frangenti d’orrore in cio’ che puo’ solo definirsi dorata fuga, privilegiata e fresca oasi in inferno d’esistenza confinato altrove finche’ dita sanno muoversi, fintanto occhi filtrino ancora luci da nebbie e stomaco non urli di arrendersi a strisciante nausea, eccesso di resistenza, giusto che confonde piu’ dell’errore che si ostina a cacciare, fintanto coscienza si annulli tra lenzuola sempre troppo calde, sempre troppo fredde, sempre troppo strette, sempre troppo ampie, sempre troppo buie, immerse in milioni d’errori, in frase mai dette, in troppe parole, in carezze non date, in canzoni rimaste chiuse in tremanti mani come colombe in trappola, in telefonate aride, in sole che sa arroventare senza scaldare, in desideri uccisi da un voto, in paura di vivere, in terrore di essere felici, in maledizione di chi ha potuto bruciarsi nel fuoco delle proprie passioni sacrificando ad esse ogni possibile entusiasmo, eredita’ che pare ragione e sostanza, in fondo cio’ che di ogni resta.
Del resto ho solo parole da pronunciare quando nessuno ascolta e in questo tempo asincrono imparo a benedire quanto e’ concluso e cio’ resta che scivoli, che s’accasci tra le pieghe d’altrui felicita’, che parli a chi ancora vuole sentire, che illumini e protegga perche’ se un senso esiste, anche se non qui, sia comunque sufficiente, passione restante.
Cosa ci portera’ domani
se non ricordi troppo usati
Cosa ti apetti da quel cielo di nuvole incrinate
elettricita’ costante
per mantenere la tensione
disconnessione tra i pensieri
programmazione dei miei desideri
stati d’ansia persistenti
cresce la paura, cosa senti?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: