Skip navigation

Un passo ed e’ un passo pesante di quelli che scuotono fronde di alberi contro tramonti incendiati, contro umani perduti e si scuotono le stelle al di la’ della luce, si frantumano pianeti color smeraldo, si aprono oceani e nuovi dei trovano dimora tra polvere e cenere e calce e cristallo a pezzi sotto piedi nudi.
Un passo ed e’ uno nuovo in direzione che non so, forse avanti, forse indietro, forse laddove non sono mai stato e non importa perche’ ogni luogo e’ sconosciuto, ogni salto ultimo che mai potro’ compiere e alla fine morte, in fondo vita, nel mezzo un eterno precipitare ed e’ quell’eternita’ a dare forza, a muovere muscoli, a rendere leggero corpo stanco, sempre piu’ stanco, sempre piu’ stanco, doppia voce, coro ed e’ innanzi e urla e soffoco e trovo un senso o mi pare forse di avere la chiave di una porta che mai ha sbarrato la mia strada eppure un giorno mi sono spostato o rimasto pietra, non so dirlo se buio e’ dentro, se buio e’ fuori, se tutto si mescola e confonde declinandosi in stanza di orologi fermi, di tempo assente, di canzoni immutabili, di vibrazioni tra ossa e stomaco e nessun pensiero, nessun dolore, ignorare, ignorare, evitare, salto in quella voce e se doppia diviene tripla, decuplica e sa Dio se solo fosse abbandono, se solo sapessi urlare cosi’ forte, cosi’ maledettamente bene da rendere ogni stanza di questo universo senza tempo, senza il consapevole lascito di umanita’ che ricordo di aver avuto, di aver amato.
Un passo e non li conto, non li definisco, non li catalogo in un quaderno rubato troppo tempo prima e che piu’ ho voluto ricreare, ripensare tra automobili squadrate e buffi capelli di casa che battezzo unica, sola perche’ li’ ho dormito, li ho mangiato, li’ smarrito e mai ritrovato e cio’ che ho chiamato maledizione invero ha forgiato acciaio e tagliente lama, niente s’avvicina, tutto sfugge spaventato ed indefinibile non lascia dormire, non fa parlare, solo ricordare, emozione che non son riuscito a contenere, a sorridere sopra, a dire di essere e di avere, cerchio mai chiuso ma del resto non e’ forse questa la vera eternita’?
What can I say
I don’t want to play anymore
What can I say
I’m heading for the door
I can’t stand this emotional violence
Leave in silence
Leave in silence

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: